Ronda di notizie di Cryptocurrency News per il 3 settembre 2020

  • von

Il prezzo del Bitcoin è sceso di oltre 400 dollari in anticipo giovedì 3 settembre, facendo scattare l’allarme tra i tori che stavano già lottando contro una svendita di due giorni.

Il forte calo era in qualche modo atteso, considerando che c’è stato un afflusso di oltre 90.000 BTC dalle balene ad alcuni dei più grandi scambi di crypto appena un giorno prima. I dati della piattaforma di analisi a catena di blocco Chainalysis suggeriscono che si è trattato del più alto aumento di un solo giorno in più di un mese, dando così l’impressione che molti trader fossero desiderosi di vendere a quasi 12.000 dollari.

L’analista tecnico di BeInCrypto Valdrin Tahiri ha approfondito le possibili cause che possono aver innescato il brusco calo odierno della coppia BTC/USD (insieme alla possibilità di ulteriori cali di prezzo). Continua a leggere per saperne di più su questo e su altre grandi storie del giorno nella raccolta di notizie sulla crittovaluta di BeInCrypto per il 3 settembre.

Cosa ha fatto cadere Bitcoin così rapidamente?

Il 2 settembre, il prezzo ha creato un candeliere ribassista che ha portato il prezzo nell’area di supporto a circa 11.200 dollari. Il calo è avvenuto con un volume significativo, aumentando la legittimità del movimento. Se il prezzo dovesse diminuire da quest’area di supporto, il successivo si troverebbe vicino ai 10.800 dollari.

Quest’area contiene più stoppini bassi dell’inizio di agosto. Sull’arco temporale giornaliero, gli indicatori tecnici non mostrano ancora segni di inversione.

  • Il prezzo del bitcoin è tornato nell’area di supporto di 11.200 dollari.
  • Gli indicatori tecnici sono neutri.
  • È probabile che il prezzo sia ancora nell’onda 4 di una formazione impulsiva a cinque onde.

Il composto (COMP) scende bruscamente dopo aver raggiunto il massimo storico

Il prezzo della COMP è aumentato ad un ritmo accelerato dal 25 agosto, quando ha raggiunto il minimo di 161 dollari. Il rally è continuato fino al 1° settembre, dove la COMP ha raggiunto il massimo storico di 272,61 dollari.

Il prezzo è sceso bruscamente il giorno dopo e si sta avvicinando all’area di supporto minore a 205 dollari. Se questo livello dovesse fallire, il supporto successivo si troverebbe probabilmente a 160 dollari. Gli indicatori tecnici forniscono una prospettiva mista.

Una ONG olandese sta inviando aiuti Bitcoin ai protestanti in Bielorussia

Secondo quanto riferito, una ONG con sede nei Paesi Bassi sta usando il bitcoin per sostenere i manifestanti in Bielorussia nella loro lotta contro il controverso governo bielorusso. Yaroslav Likhachevsky e Alexey Kuzmenkov, gli imprenditori tecnologici che hanno fondato la ONG, sono essi stessi di origine bielorussa.

Il duo fa parte di un gruppo che teme che le elezioni presidenziali del 9 agosto siano state truccate. Il leader neoeletto Alexander Lukashenko sembra reprimere ogni voce di dissenso con la brutalità della polizia.

I prezzi delle attività di copertura non prevedono l’inflazione, dice l’analista BOE

Gertjan Vlieghe, analista della Bank of England, ha assunto una posizione contraddittoria sulla percezione diffusa che il prezzo dell’oro possa servire da indicatore affidabile dell’inflazione futura.

Vlieghe, che in precedenza ha lavorato come esperto di obbligazioni presso la Deutsche Bank AG, sostiene che qualsiasi aumento e diminuzione delle attività di copertura riflette il sentimento degli investitori riguardo al potenziale di inflazione.

Vlieghe fa parte di un gruppo di analisti che rappresentano la Banca d’Inghilterra a cui è stata assegnata la responsabilità di studiare l’impatto di COVID-19 sull’economia per determinare le future misure di stimolo. La loro testimonianza ha anche rivelato che il prodotto interno lordo (PIL) del Regno Unito dovrebbe scendere almeno del 9,5% quest’anno.